SNAI SCOMMESSE

Digitale Terrestre vs Streaming: guida e problemi dello switch-off




Lo switch-off, ossia il passaggio definitivo al digitale terrestre (dtt) sta creando un bel po’ di problemi ai cittadini e in molti lamentano difficoltà nella visione e nella sintonizzazione dei canali che in questo ultimo…

SNAI SCOMMESSE

Lo switch-off, ossia il passaggio definitivo al digitale terrestre (dtt) sta creando un bel po’ di problemi ai cittadini e in molti lamentano difficoltà nella visione e nella sintonizzazione dei canali che in questo ultimo periodo cambiano da un giorno all’altro. TV GRATIS.net vi viene in aiuto anche grazie alle risorse streaming presenti sul Web.

Entro il 2012 in tutta Italia, secondo il calendario nazionale, approvato con decreto ministeriale del 10 settembre 2008, le trasmissioni televisive avverranno esclusivamente in tecnologia digitale. Si tratta della nuova TV del futuro: migliore qualità di immagine e suono, molti più canali e programmi visibili gratuitamente e, anche grazie alla collaborazione delle istituzioni locali, la disponibilità di alcuni innovativi servizi di pubblica utilità riguardanti ad esempio il lavoro, i trasporti e il tempo libero.

Quali sono i vantaggi del digitale terrestre? Innanzitutto un maggior numero di canali disponibili grazie a tecniche di codifica di sorgente del segnale che permettono la riduzione in compressione dati fino a 1/5 della banda di frequenze utilizzate per la trasmissione di un canale. Sono già passate in maniera definita al nuovo sistema Piemonte Occidentale, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino, Sardegna, Lazio, Campania. Le prossime regioni che passeranno in maniera definitiva al nuovo sistema sono Emilia Romagna, Vento, Friuli: le restanti regioni passeranno al nuovo sistema tra Gennaio 2011 e Giugno 2012. Come prepararsi al meglio allo switch-off e risolvere i problemi del dtt?

Quali canali è possibile visualizzare una volta che si è definitivamente passati al nuovo sistema?
Anzitutto, chiariamo subito che alcuni canali sono visibili solo nelle regioni che sono passati in maniera definitiva al Digitale, e non in quelle che sono anc0ra in fase di passaggio: i canali visibili comprendono quelli della Rai (totale di 15 canali visibili in chiaro tra cui l’ultimo arrivato Rai 5), quelli Mediaset (Canale 5, Italia 1, Rete 4, La5, Iris e quelli Premium a pagamento), La7 (compresi La7 D, La7.it e on-demand), MTV, Deejay TV, Sportitalia (Sportitalia 1, Sportialia 2 3 Sportitalia 24), PokerItalia 24, Cielo più altri canali assolutamente “inediti” oltre, naturalmente, alle emittenti regionali, variabili da regione a regione e ai canali radiofonici.

Se non riesco comunque a vederli sul digitale terrestre, si possono vedere anche sul PC?
Lo streaming ci da una grossa mano. Moltissimi canali infatti, la Rai su tutti, ma anche Mediaset, La7, Deejay TV, Cielo e Sportitalia 2 è possibile vederli in diretta streaming attraverso i rispettivi siti web ufficiali. Altri invece tra cui quelli Mediaset non hanno stream ufficiali; tuttavia vi sono numerosi servizi web che consentono di vederli tra cui TVG (url.tvgratis.net/tvg)

Vediamo ora di spiegare alcuni aspetti tecnici del digitale terrestre utili per capire come funziona tutto il sistema.

Da cosa dipende la qualità del segnale?
La qualità del segnale digitale dipende da diversi fattori: anzitutto le condizioni territoriali e la copertura del segnale stesso, regione per regione. Inoltre, influisce il posizionamento dell’antenna: chi abita ai piani bassi, infatti, dovrebbe posizionare l’antenna il più in alto possibile, mai agli stessi piani bassi, per evitare che il passaggio delle automobili disturbi il segnale.

Infine vediamo quali sono le parole maggiormente utilizzate quando si parla di digitale terrestre, e il loro significato.

Cosa significano tutte quelle strane sigle utilizzate quando si parla di digitale?

  • Analogico: E’ per intenderci, la “vecchia cara tv”, a cui siamo stati abituati in questi anni
  • Bouquet: E’ un “insieme” di canali: ad esempio “Iris” fa parte del “bouquet” di canali gratuiti di Mediaset
  • Bollino: Gli apparecchi per la ricezione del segnale digitale vengono contrassegnati da dei “bollini” di diverso colore, che ne attestano funzionalità più o meno diverse
  • CAM: E’ un piccolo apparecchio che serve ad inserire le tessere prepagate all’interno dei televisori con decoder digitale incorporato
  • Decoder: E’ l’apparecchio che, fisicamente, consente di ricevere il segnale. Si può trovare già all’interno dei televisori di ultima generazione
  • Dolby Surround: E’ una caratteristica offerta dal digitale terrestre, che garantisce un audio con “effetto cinema”. Chi ha un impianto acustico collegato al televisore, grazie alle trasmissioni digitali, che supportano il “Dolby Surround”, potrà sentirsi “al centro della scena”, come se la stesse vivendo in prima persona!
  • Dolby Digital: Esattamente come sopra, ma per sistemi audio dotati di 6 casse acustiche
  • Free to air: Sono i programmi che sono visibili gratuitamente sul Digitale, senza dover pagare nulla
  • Interattività: E’ un’altra caratteristica del Digitale Terrestre. Grazie ai quattro tasti colorati posti sul telecomando, è possibile accedere a funzioni interattive e contenuti extra trasmessi dai canali stessi: non tutti i decoder supportano l’interattività.
  • LCN: E’ il posizionamento dei canali all’interno delle liste canali dei decoder, che viene fatto in automatico dalle emittenti stesse (ad esempio, “La7” viene automaticamente posto sul canale “7″, anche se è sempre possibile modificare il posizionamento dei canali a nostro piacimento! A proposito di questa immagine: 3 Digitale terrestre: problemi, soluzioni, domande e risposte )
  • MUX: Noto anche come “Multiplex”, è l’impianto che “impacchetta” tanti canali in un solo “flusso” di trasmissione. Ad esempio, il mux “RAI” conterrà al suo interno tutti i canali riconducibili alla TV di Stato (ad esempio, “Rai Uno”, “Rai Due”, “Rai Tre”, Rai Quattro”, “Rai Cinque”, “Rai Storia”, “Rai Gulp” e così via)
  • PPV: Noto anche come “Pay Per View”, indica i canali visibli solo a pagamento. Ad esempio, “Mediaset Premium”, che trasmette partite di calcio visibili con la scheda Mediaset Premium, quindi a pagamento.
  • Switch-off: Sono l’insieme delle operazioni, attualmente attive in Italia, che porteranno al passaggio totale delle regioni da analogico a digitale. Vengono contrassegnate con questo termine le regioni in cui si è passati totalmente al Digitale.
  • Switch-over: Vengono contrassegnate con questo termine le regioni in cui sono ancora presenti sia la TV Analogica che quella Digitale.

Tags: , , , ,

Post a Comment

site statistics site statistics