SNAI SCOMMESSE

Nuovo protocollo P2P Live streaming per tv e film: BitTorrent Live




Che si possa fare streaming attraverso l’uso del protocollo Torrent P2P è una cosa ormai nota grazie anche a StreamTorrent, una piattaforma peer-to-peer che permette di trasmettere contenuti multimediali live di buona qualità. Ora, però,…

SNAI SCOMMESSE

Che si possa fare streaming attraverso l’uso del protocollo Torrent P2P è una cosa ormai nota grazie anche a StreamTorrent, una piattaforma peer-to-peer che permette di trasmettere contenuti multimediali live di buona qualità. Ora, però, lo streaming si potenzia: c’è una dimostrazione live di quel che sarà la nuova versione di BitTorrent, capace proprio di questo e che Punto Informatico ha descritto. La concezione di un simile sistema ha senso in quanto, dal 2005 in poi, l’esplosione nell’impiego della multimedialità online operata da Youtube e altri portali video ha prodotto una notevole crescita nel consumo multimediale dell’utenza ma, parallelamente, ha fatto lievitare il traffico in Rete a valori importanti, con effetti economici anche sulle bollette pagate dai content provider, costretti a garantirsi una banda sempre maggiore.

L’impiego del concetto del P2P per questa finalità ha la possibilità di disgregare, a tutti gli effetti, il carico di banda suddividendolo tra gli innumerevoli Peer coinvolti nella fruizione in modo collaborativo, con l’effetto collaterale non trascurabile di sedare l’odio per tale sistema, ormai quasi genetico in alcuni provider. Di software di questo tipo ce ne sono innumeroveli come SopCast, Veetle, TVAnts, PPLive, PPStream, UUSee e altri per la maggior parte cinesi e di cui se neè già parlato molto per le inutili e continue denunce di Sky per presunte (e poi smontate) tesi sulla violazione di copyright che hanno portato solo fango e fatto emergere quanto incompetenti, ignoranti in materia e anti-tecnologici sono i loro manager e avvocati.

TV GRATIS.net già nel 2007 è stato uno dei primi a parlare del concetto di p2p applicata allo stream grazie alla tesi universitaria “Studio delle architetture peer-to-peer applicate allo streaming” e ha dimostrato di avere una visione futura assolutamente azzeccata e veritiera. La realizzazione di tali architetture, però, comporta ben più che una semplice rivisitazione del protocollo così come è scritto oggi. In particolare occorre confrontarsi con le congestioni: la cosa è fattibile, naturalmente, ma di certo non servendosi delle metodologie sfruttate fino a oggi, sostanzialmente basate sull’impiego del protocollo UDP. Cos’è e come funziona BitTorrent Live?

Per il momento non c’è ancora nulla di pronto, di scaricabile, di usabile dall’utente finale di questa ultima versione di BitTorrent Live. Le principali innovazioni si incentrano sulle tecniche usate nel gestire la latenza a un livello contenutissimo mai raggiunto sinora, pur tenendo sotto controllo la congestione di rete.

Come già delineato nella letteratura accademica riguardante il recapito di contenuti live via P2P, la gestione del live streaming via P2P richiede la riconfigurazione automatica dei percorsi di transito dei contenuti capace di attuarsi in meno di un secondo, ottimizzata per attraversare meno nodi possibile, specie in caso di ostruzioni alla Rete. Il meotodo scelto per gestire tale riconfigurazione deve quindi assoggettarsi a lavorare insieme al controllo di congestione.

Per darvi un’idea di ciò che sarà, è stata rilasciata una demo di BitTorrent Live.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=tnHn29WCaJw[/youtube]


Tags: , , , , ,

Post a Comment

site statistics site statistics